Lagarde, il “gufo” della BCE